Canederli al formaggio al formaggio Asiago dop Vacca Bruna e Brenta selezione Oro

Ecco una ricetta deliziosa e sostanziosa, perfetta per le fredde giornate invernali: i canederli al formaggio con Asiago DOP e Brenta Oro. I canederli, tipici della tradizione trentina, sono arricchiti con il sapore intenso e piccante del formaggio Asiago DOP e la delicatezza del prosciutto crudo Brenta Oro. Questa combinazione di sapori crea un piatto unico ed irresistibile, perfetto per soddisfare i palati più esigenti. La preparazione è semplice ma richiede un po’ di tempo e dedizione, ma ne varrà sicuramente la pena. Seguite passo passo la ricetta e stupite i vostri ospiti con questa prelibatezza della cucina trentina.

TEMPO DI REALIZAZZIONE: 1 ora   DIFFICOLTA’: 0

Canederli al formaggio asiago dop stravecchio

Ingredienti per 4 persone:

Procedimento:

  1. In una padella, fate appassire la cipolla in 40g di burro.
  2. Tagliate a dadini l’Asiago DOP Vacca Bruna e tenetelo da parte.
  3. Tagliate il pane a dadini e mettetelo in una ciotola capiente con l’erba cipollina tritata, i dadini di formaggio e la cipolla rosolata con il burro.
  4. In un’altra ciotola, rompete le uova e amalgamatele con il latte. Versate il composto ottenuto sul pane e aggiungete 50g di Brenta Oro grattugiato. Amalgamate con le mani.
  5. Regolate di sale e pepe e lavorate fino a quando non otterrete un composto piuttosto liscio e non troppo umido. Se necessario, aggiungete latte per ammorbidire o pangrattato per rassodare l’impasto.
  6. Con le mani umide, formate delle polpette della dimensione di un mandarino e infarinatele in un piatto cosparso di farina.
  7. Portate ad ebollizione abbondante acqua salata o brodo vegetale e tuffate metà dei canederli per volta. Fate cuocere per 20 minuti circa.
  8. Mentre cuociono i canederli, fate fondere il burro restante.
  9. Scolate i canederli con una schiumarola e serviteli con burro fuso e Brenta Oro grattugiato a scagliette.

Curiosità

Si narra che l’origine dei canederli risalga all’epoca medievale, quando i contadini delle Alpi utilizzavano il pane raffermo per preparare un piatto sostanzioso e nutriente. Inizialmente, i canederli venivano preparati con pane, latte e uova, ma nel corso del tempo sono state aggiunte altre varianti, come la carne, le verdure e i formaggi. Oggi i canederli sono diventati un piatto tipico della cucina altoatesina e trentina, e vengono serviti in numerosi ristoranti e locande della zona. La loro consistenza morbida e saporita li rende un’ottima scelta per un pasto sostanzioso e confortante, perfetto per le fredde giornate invernali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *